Sito Ufficiale - Comunità Montana Gran Sasso

mercoledì 16 agosto 2017


I Comuni


Sei in : Home -> Servizi Sociali -> Vademecum dei Servizi

VADEMECUM DEI SEVIZI SOCIALI
La Comunità Montana del Gran Sasso e i Servizi Sociali

Comuni:
Arsita, Castel Castagna, Castelli, Colledara, Crognaleto, Fano Adriano, Isola del Gran Sasso, Montorio al Vomano, Pietracamela, Tossicia.

La Comunità Montana del Gran Sasso è un’unione di Comuni montani, per la valorizzazione delle zone montane e l’esercizio associato di funzioni comunali che non possono essere gestite autonomamente dai singoli Comuni. Nel 1999 alla Comunità Montana è stata conferita dalla Regione Abruzzo la funzione della gestione del Piano di Zona dei Servizi Sociali, diventando, così, l’organo che eroga servizi, per conto dei comuni, al fine di soddisfare i bisogni della collettività.

Che cosa è il Piano di Zona
E’ il piano regolatore dei servizi sociali. E’ una programmazione che nasce dal basso con l’intento di offrire, attraverso una rete integrata, anche con il ricorso al terzo settore (volontariato, cooperativismo sociale, ecc.), un ventaglio di servizi non “preconfezionati”, ma costruiti su misura, tarati sulle esigenze dei singoli e delle famiglie in difficoltà.

Cosa sono i Servizi Sociali
I Servizi Sociali sono “tutte le attività relative alla predisposizione ed erogazione di tutti i servizi, gratuiti o a pagamento o di prestazioni economiche destinate a rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona incontra nel corso della sua vita, escluse quelle erogate dal sistema previdenziale e sanitario.”(Art. 128 del D.Lgs.n.112/98)

Chi sono i beneficiari dei servizi
Possono accedere ai servizi tutti i cittadini ma, nel rispetto del principio dell’universalismo selettivo, ispiratore della Legge Quadro di riforma dell’assistenza n. 328/2000, vengono privilegiate le persone con maggiore difficoltà; in particolare la Regione Abruzzo ha individuato come prioritarie nella scala dei bisogni quattro fasce di popolazione: anziani, minori, portatori di handicap e famiglie.

A chi è possibile rivolgersi
Per ricevere le informazioni sui propri diritti, sulle competenze, sulle risorse presenti sul territorio, sulle modalità di accesso ed uso dei servizi socio-assistenziali e sanitari, i cittadini possono rivolgersi, anche telefonicamente, agli operatori del Servizio di Segretariato Sociale presenti nei Comuni del territorio comunitario e presso la sede della Comunità Montana.

Quali sono i servizi offerti

  • Assistenza Domiciliare agli anziani
  • Servizio di assistenza a soggetti diversamente abili, comprendente:
    • Assistenza Scolastica ai minori portatori di handicap
    • Assistenza Personale al domicilio dei portatori di handicap
  • Sostegno Psico-Sociale integrato per minori, comprendente:
    • Servizio educativo domiciliare
  • Servizio di babysitteraggio
  • Servizio di Segretariato Sociale
  • Servizio Sociale Professionale
  • Servizio di Accompagnamento a visite specialistiche

Quali sono le principali finalità del Servizio Sociale

  • Aiutare gli individui, i gruppi e le famiglie a sviluppare le capacità integre, residuali o latenti per affrontare, gestire ed eventualmente risolvere i loro problemi
  • Valorizzare la centralità della persona e la sua capacità di scelta ed autodeterminazione
  • Raccordare reciprocamente i bisogni individuali e di soggetti collettivi alle risorse del territorio e della società.

L’organizzazione dell’Ufficio Servizi Sociali e i suoi compiti
L’Ufficio Servizi Sociali della Comunità Montana del Gran Sasso, composto da un Dirigente, un Responsabile del Servizio, un Sociologo Coordinatore, un’Assistente Sociale ed una Psicologa consulente, ha il compito di:

  • Programmare, organizzare, amministrare, gestire e valutare i servizi socio-assistenziali ed educativi offerti dal Piano di Zona
  • Coordinare servizi, interventi, prestazioni e risorse
  • Garantire la gestione e l’erogazione unitaria dei servizi
  • Costruire e gestire le reti formali ed informali
  • Acquisire ed approfondire, con studi, ricerche, documentazione, la conoscenza dei bisogni e dei problemi sociali, della domanda reale e potenziale, delle risorse, dell’efficacia ed efficienza dei servizi.


La gestione dei progetti legati alle leggi di settore
Oltre al Piano di Zona l’Ufficio programma e gestisce le attività legate alle leggi di settore:

L.R. 95/95 – Interventi a favore della famiglia
Implementazione di un servizio di aiuto e sostegno domiciliare a famiglie con la presenza di minori con handicap o disagio psico-sociale;


D.lgs 286/98 – Interventi a favore degli immigrati
Sostegno all’immigrato nell’orientarsi all’interno dei servizi comunali e provinciali; sostegno e potenziamento linguistico (lingua italiana) ai minori stranieri frequentanti le scuole;


Servizio Civile Nazionale Volontario L. n. 64/2001
utilizzazione di n. 5 volontari per affiancare e potenziare i servizi relativi ai portatori di handicap;


L.285/97 – Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l’infanzia e l’adolescenza
Attivazione di due centri educativi polivalenti – organizzazione colonie montane; Servizio educativo domiciliare


Promozione e sostegno dell’affidamento familiare
formazione di una cultura della solidarietà in favore dei minori della propria comunità.

Tutte le attività dei servizi finora descritti sono organizzate sulla base dei bisogni del territorio. Diventa, perciò, fondamentale il colloquio tra tutti i soggetti interessati ai servizi e preziosa la partecipazione dei cittadini in tutte le fasi delle attività.



Portale sviluppato da
digitecno